29 aprile 2015 Negril, Jamaica

La domenica mattina lasciamo l’hotel di Montego Bay proseguendo lungo la costa in direzione Negril dove sino a mercoledi trascorreremo tre giorni di assoluto relax lontani dalle distillerie, immersi nell’oceano e nella cultura jamaicana.
La struttura dove alloggeremo è il “Rooms on the Beach”, un luogo minimale, tranquillo e per fortuna ben lontano dalle megastrutture alberghiere in stile americano che imperversano su gran parte della costa nord da Ocho Rios a Montego.

La spiaggia a due passi dalla camera

Dalle camere come si intuisce dal nome si accede direttamente in spiaggia, una spiaggia bianca che si estende per circa 7 miglia, un mare stupendo e incontaminato con una temperatura a dir poco piacevole.  Passeggiando sulla spiaggia si può accedere direttamente ai bar e alle bancarelle che vendono ogni cosa, da quelle legali ad altre meno.

Tipico negozio in spiaggia

Sicuramente se passate di qui immancabili le visite da Alfredo’s Bar e soprattutto per il serale al Bourbon Beach dove oltre che poter mangiare dal pesce freschissimo e  l’immancabile pollo “Jerk” questi due locali frequentati non solo da turisti, la sera con la

musica reggae dal vivo regalano ulteriormente un salto nel tempo.
Il popolo jamaicano  e la sua terra ingiustamente sono francobollati come un luogo pericoloso, personalmente ho visto di molto peggio in giro per il mondo e in Italia (provate a trovarvi la sera dopo le 10 in stazione a Roma o Milano), ovviamente anche qui ci sono zone preferibilmente da evitare come Down Town, la parte vecchia della capitale Kingston.

Canna da zucchero RED che cresce in spiaggia

La maggior parte delle persone che conosciamo ci colpiscono per la loro spensieratezza e l’educazione, i due termini di comunicazione “Yaman” e “Respect” non possono far altro che entrare subito nel nostro vocabolario e risultano essere un grimaldello straordinario per comunicare in pochi istanti il rispetto e la voglia di vivere appieno in sintonia con questa terra che oltre al rum a tantissimo altro da offrirci.

I pittoreschi bar lungo la strada

La pulizia oltre che nelle camere ma anche in qualunque bagno pubblico che ci capita di utilizzare è a dir poco disarmante, l’igiene è un valore fondamentale per questo popolo.
Grazie al nostro contatto Kelvin Robinson (conosciuto da Leonardo nel suo precedente viaggio in Jamaica), originario del parish di Manchester nel sud dell’isola, abbiamo modo di gustare ancor di più la cucina locale dalle varietà di pesci, alle zuppe sino alla pecora al curry.

Unplugged di Bob marley

Il mercoledi sera chiudiamo la nostra parentesi a Negril con una cena a base di aragosta che rimarrà indimenticabile, trascorsa insieme alla famiglia di Kelvin e ad alcuni suoi amici cuochi per l’occasione, ovviamente non in un ristorante ma cucinata all’aperto in mezzo alle loro case e “negozi”.

La cottura delle aragoste
L’assaggio della cena
Il cuoco Peter e l’organizzatore Kelvin
Peter pulisce il frutto del pane cotto sulle braci

Il tutto accompagnato come sempre da rum bianco overproof, ting (bibita gasata al pompelmo) e impianto stereo a tutto volume. Durante la serata chi arrivava in bici, in motorino a piedi per una sosta ad ascoltare un po’ di musica o farsi una bevuta. Tutti componenti di un’unica grande famiglia: one love, one heart!

Il dj-set casalingo
J.B. & Ting immancabile connubio


Giovedì mattina a malincuore lasceremo Negril per dirigerci verso la Nassau Valley dove ci attende la visita alla distilleria più grande del paese: Appleton Estate.

Il barman del Rooms on the Beach
Il saluto Respect

A presto lungo #leviedelrum
Marco Graziano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.