Sabato 19 e domenica 20 ottobre si è svolto a Roma, vicino a Villa Borghese il festival italiano sul Rum ideato da Leonardo Pinto. Ne sono rientrato carico di emozioni e di nuovi incontri fatti nel bicchiere, alcuni unici e irripetibili. Il clima era a dir poco estivo, la location scelta per l’evento, curata dalla Sdi Eventi era accogliente e di classe.

 

Non saprei da dove cominciare per raccontare l’esperienza vissuta tra rivedere amici e uomini di rum come Javier Herrera organizzatore del festival di Madrid, Luys Ayala fondatore della rivista Got Rum? e immenso conoscitore del distillato che ha inaugurato le masterclass con un approfondimento sulla tecnica di degustazione professionale, Robert Burr ideatore del festival di Miami, Marco e Francesco della Casa del Rum di Follonica.

 

 

 

 

 

 

Ho potuto finalmente incontrare di persona Francesco Mattonetti, gestore di Le Carovaniere e Lo Spirito dei Tempi, e assaggiare i suoi rum scelti per l’evento tra cui delle rarità degli anni 60′ e 70′ della distilleria Saint James in Martinica, un complesso Isautier 15y degli anni 80′ proveniente da Ile de la Reunion, ascoltando ancora una volta la sua grande e incredibile conoscenza sul distillato. Una vera bibbia vivente!!(nonostante le sventure della mensola rotta..onore ai caduti).

 

 

 

 

Ricordo ancora perfettamente passione e impegno nelle parole di Antonio Bleve, master blender che attualmente stà portando avanti il grande lavoro di Silvano Samaroli. Insieme al suo socio Antonio ha regalato un emozione unica con l’apertura di un Private Stock di Demerara 1973, prodotto all’apice della curva del flavour in quel connubio perfetto tra evoluzione del distillato e propietà che la botte può cedere, semplicemente indescrivibile e senza prezzo. I rum della Jamaica hanno acquisito un altra dimensione dopo gli assaggi delle selezioni 1999, 1993 e 1986.

 

 

 

 

 

Classe e gran signore, parlo di John Barret direttore della Bristol Spirits Limited che nella sua masterclass in lingua inglese ha donato perle tecniche sull’ invecchiamento, sulle tipologie di legno e botti usate partendo dal medesimo distillato. Con lui abbiamo potuto degustare delle selezioni a gradazione piena di Caroni 1993, Port Mourant 1990 e Barbados 1986.

 

 

 

 

Fumoso incontro e piacevole scoperta con Vincenzo De Gregorio propietario della Amazon Cigars&Tobacco, persona pacata e umile con esperienza da vendere, grandissima passione. La possibilità di aver fumato e chiaccherato con lui è stata di gran arricchimento sul mondo del tabacco Kentucky Italiano.”Il Cavaliere” piccolo biconico nato come cigar test di 91mm circa dal grande corpo e il “Manfredi” di lunghezza più impegnativa (155mm circa) anche questo completamente costruito a mano, ma con una fumata più semplice e delicata, sono stati i due sigari offerti e assaporati con gran piacere, grazie Vincenzo.

Un coetaneo simpatico e brillante, Matthieu Gouze, export manager e brand ambassador di Plantation, linea di Rum creata dal colosso francese Cognac Ferrand, con il quale ho fatto una piacevole chiaccherata sul mondo della canna da zucchero mentre si degustavano i prodotti della linea Vintage Rum come Gran Reserve Barbados, Guyana 1999, Gran Anejo Guatemala, XO Barbados 20th Anniversary e il Cuba 1998 Single Cask.

 

Per chiudere non posso non accennarvi dell’incontro più emozionante del festival di cui tratterò poi in un articolo-intervista. Presso lo stand dell’importatore Rinaldi ho avuto il piacere ma sopratutto una delle rare occasioni in cui poter conoscere un Maestro Ronero di Cuba, stò parlando di Tranquilino Palencia Estruch creatore dei Ron di Santiago de Cuba, uno degli otto “eletti” che hanno accesso alla “Biblioteca des Maestros” dove sono contenuti i segreti dei ron della storia passata e attuale dell’isola comandata da Fidel. Assieme a Lui abbiamo degustato il Santiago 11y, 12y e il 20y. Sublimi.

 

Grazie ancora a Leonardo Pinto per la passione e la professionalità con cui hai ideato e organizzato questa due giorni di (show)rum & emozioni.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.